Bufera politica nel Napoletano, il sindaco piglia tutti a “maleparole”:”Rasentate lo schifo”

1 settimana fa
21 Novembre 2020
di nunzia d'aniello

Bufera politica nel Napoletano, il sindaco piglia tutti a “maleparole”. E’ quanto accaduto ella ridente cittadina di Portici. Il primo cittadino spara a zero contro tutti.

Ma andiamo per gradi. Tornato i campo dopo il Covid, si sfoga alla grande

“La schifezza della minoranza mi è nota, ma il mutismo della maggioranza mi ha sorpreso. Siete veramente delle persone che rasentate lo schifo. Rasentate lo schifo”.

Parole dure quelle rivolte ieri sera dal sindaco di Portici, Vincenzo Cuomo, esponente del Pd, a maggioranza e opposizione in consiglio comunale.

Il nervosismo di Cuomo deriva da una questione procedurale, ma lo sfogo è eclatante.

Intanto, il presidente del Consiglio comunale, Claudio Teodonno, ha convocato l’assemblea per stasera alle 22, esattamente quando scatta il coprifuoco.

Queste le sue parole dopo il tampone negativo

“Ho continuato a lavorare costantemente da casa – spiega il primo cittadino – consapevole che i pochissimi sintomi avuti necessitavano di adeguate terapie ma soprattutto di pazienza e disciplina, cosa che purtroppo molta gente mostra di non avere.

Nella mia esperienza, il virus si sconfigge con isolamento e con le terapie giuste, ma soprattutto grazie all’affetto di chi ti sta vicino e di tantissimi cittadini che non conosco direttamente ma che non mi hanno fatto mai mancare la loro vicinanza e il loro affetto, facendomi sentire onorato di essere il rappresentante di questa straordinaria comunità che è la nostra città”.

E ancora

“Adesso dobbiamo rafforzare le nostre attenzioni alle attività economiche in sofferenza sollecitando il governo a velocizzare i ristori decretati – prosegue ancora Cuomo – e continueremo ad offrire la nostra collaborazione istituzionale alla Asl le cui strutture si stanno mostrando purtroppo inadeguate a gestire una tale quantità di persone positive in tutte le nostre città.

Questo è il momento dell’unità di intenti e proprio quando la sofferenza di tanti aumenta c’è bisogno di unire le istituzioni e non dividerle”.
Leggi anche: Nuova ordinanza in arrivo, De Luca cambia ancora: fissata la data delle riaperture. A breve l’annuncio definitivo 
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo

ti potrebbe interessare