De Luca-Figliuolo, è ancora pugno di ferro. Il Commissario: “Si fa così, questo è il piano per tutti”

di Irene Viturri
1 mese fa
13 Aprile 2021

De Luca – Figliuolo, continua il braccio di ferro tra i due. La campagna di vaccinazione “deve proseguire in modo uniforme a livello nazionale, senza deroghe ai principi che lo regolano, facendo riferimento all’ordinanza che indica le categorie prioritarie”.

De Luca – Così il commissario per l’emergenza Francesco Paolo Figliuolo

Replica al presidente della Campania Vincenzo De Luca, che aveva detto di voler proseguire le vaccinazioni “in base a criteri economici” e non per fasce d’età.

“L’obiettivo – aggiunge il commissario – è quello di mettere al sicuro le persone fragili e le classi di età più anziane, che sono le più vulnerabili all’infezione. Più celermente si concluderà questa fase prima si potrà procedere a vaccinare le categorie produttive”.

De Luca – In arrivo oltre 4,2 milioni di dosi

Sono oltre 4,2 milioni i vaccini che verranno complessivamente consegnati tra il 15 e il 22 di aprile alle strutture sanitarie delle regioni.

In particolare è prevista la distribuzione di oltre tre milioni di Pfizer suddivisi in due mandate di 1,5 milioni, circa mezzo milione di Vaxzevria, oltre 400 mila di Moderna, e di più di 180 mila di Johnson & Johnson.

Per la settimana 16-22 aprile

Si stimano circa 315 mila somministrazioni giornaliere negli oltre 2.200 punti vaccinali in tutta italia attivi.

È quanto comunica in una nota la struttura commissariale per l’emergenza Covid del generale Francesco Figliuolo.

Arriva Johnson & Johnson

“Sono 180 mila le dosi del vaccino Johnson & Johnson in arrivo come primo carico del siero monodose, annuncia il commissario all’emergenza.

Per quest’ultimo vaccino – somministrabile in un’unica soluzione – si tratta del primo approvvigionamento in assoluto per l’Italia”, si legge in una nota.

“Prima dose al 70% degli over 80”

“Nel quadro delle priorità indicate dall’Ordinanza n. 6 del Commissario straordinario, il numero di persone di età superiore agli 80 anni che ha ricevuto almeno una somministrazione ha intanto superato quota 3 milioni, con un incremento di 500 mila unità rispetto alla settimana precedente.

E’ stato così raggiunto con almeno una dose il 70% della platea di oltre 4,5 milioni rilevata con il sistema informatico ‘Tessera sanitaria’ e verificata dalle Regioni/Province autonome”. (RaiNews)
Leggi anche: De Luca riporta a cena fuori la Campania: “Ristoranti e locali aperti di sera”. Lo sceriffo studia l’ordinanza
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo