Connect with us

cronaca

Roma, 31enne precipita dalla finestra e la ritrovano morta nel cortile

Published

on

precipita dalla finestra

Una turista 31enne americana è stata trovata morta a Roma nella notte tra sabato e domenica scorsi. La ragazza dopo essere precipitata da una finestra del sesto piano di uno stabile in via Merulana è ritrovata riversa a terra nel cortile del Palazzo. E’ stato sequestrato il suo cellulare e al momento si indaga per istigazione al suicidio.

Giovane americana precipita dalla finestra

La donna, che alloggiava in un B&B era regolarmente registrata. La giovane è ritrovata nel cortile interno del palazzo. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia, la scientifica e della Squadra Mobile che hanno svolto subito un sopralluogo nella stanza della giovane donna.

Le indagini, che si pongono l’obiettivo di fare luce sull’accaduto, sono condotte dagli investigatori del commissariato Trevi.

Precipita dalla finestra – è istigazione al suicidio

La procura di Roma ha aperto un fascicolo in relazione alla morte della 31enne americana precipitata dalla finestra tra sabato e domenica. Nel fascicolo è chiaro che l’indagine si stia orientando sul tema dell’istigazione al suicidio. Al momento l’accusa è a carico di ignoti, mentre l’autopsia che verrà eseguita venerdì.

Il pm di turno ha deciso di disporre anche il sequestro del cellulare della 31enne su cui verranno eseguiti accertamenti per ricostruire le ultime ore di vita della ragazza. (LaStampa/AdnKronos)

Antonio, giustizia è fatta

Antonio, giustizia è fatta o quasi. Quindici anni di reclusione ed un risarcimento in favore dei familiari della vittima, da quantificarsi in sede civile, con una provvisionale di 50mila euro.

Questa la decisione della Corte d’Assise di Santa Maria Capua Vetere per Giuseppe Quadrano, il killer di don Peppe Diana oggi collaboratore di giustizia, accusato dell’omicidio dell’imprenditore Antonio Belardo, ucciso a Succivo nel 1991.

Antonio Belardo – I giudici

Fissando il risarcimento, sono accolte le tesi della difesa di parte civile, rappresentata dall’avvocato Giovanni Zara, che si è battuta affinché venisse esclusa ogni connivenza della vittima con il clan dei Casalesi.

Il caso, come riportato da Casertanews, era in un primo momento chiuso senza colpevoli e poi riaperto in seguito ad indagini della parte civile.

Antonio Belardo – I responsabili

E’ così possibile individuare i responsabili in Alberto Di Tella (anche lui collaboratore di giustizia e condannato in abbreviato) e proprio Quadrano. Ma il movente del delitto restava ancora oscuro. Secondo Quadrano, infatti, Belardo è ucciso nell’ambito di una faida interna al clan dei Casalesi perché imprenditore “amico” dei Bidognetti ai quali pagava “30 milioni di lire all’anno”.

Ma cosa significava “essere amico” dei Casalesi? Sono stati i pentiti a chiarirlo durante il processo. Siamo negli anni ’80 e tutti gli imprenditori edili dovevano pagare la tangente ai Casalesi per poter lavorare in serenità.

Si pagava, è ricostruito, cantiere per cantiere. E tra gli imprenditori che pagavano c’era anche Belardo che, a detta di alcuni collaboratori, si mostrava “simpatico” con gli esattori del clan ma solo per vedersi ridotta la quota estorsiva. Insomma, non c’era in quell’atteggiamento qualche forma di connivenza.
Leggi anche: Superati i 2mila positivi in 24 ore. La Campania ancora vittima del Covid. Il Bollettino
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

41esimoparallelo è anche un’app

Scarica la versione per IOS & Android direttamente dallo store: avrai tutte le notizie aggiornate in tempo reale, approfondimenti e le storie dall’Italia e dal mondo a portata di mano. Solo per te, in un unico luogo.

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)