Connettiti con noi

Politica

Sfiducia per il ministro Speranza. Mercoledì il voto in Senato

Pubblicata

il

Condividi

L’Aula del Senato voterà le tre mozioni di sfiducia al ministro della Salute, Roberto Speranza, in modo separato. Le tre mozioni sono di Fdi, Italexit e Alternativa c’è. E’ quanto avrebbe deciso la capigruppo di Palazzo Madama.

Sfiducia al Ministro Speranza

Tre mozioni – Fdi, Italexit e Alternativa c’è. Il Senato dovrà votare la sfiducia al Ministro della Salute Roberto Speranza, nella giornata di mercoledì 28 aprile 2021. E’ questo quello che avrebbe deciso la capigruppo di Palazzo Madama.

La lega non metterà i bastoni tra le ruote su Speranza

“Non metteremo in difficoltà il governo”. Così della Lega al Senato, attraverso Massimiliano Romeo, ha risposto sul futuro voto dei senatori leghisti alle tre mozioni di sfiducia al ministro Roberto Speranza, presentate da FdI, Alternativa C’è e Italexit.

D’Incà ha riunito la maggioranza alla luce delle tensioni registrate nell’Aula di Palazzo Madama, durante il braccio di ferro in corso sul ddl Zan.

L’idea in maggioranza era comunque mettere in calendario il voto su Speranza al più presto.

 

Scuola a rischio, il motivo

Non è ancora terminato l’anno scolastico in corso, ma il prossimo anno di scuola è già a rischio. Il motivo è legato alle attuali restrizioni vigenti in Italia al fine di limitare il contagio Covid-19, in particolar modo al distanziamento imposto dal governo.

Il metro di distanza tra un bambino ed un altro potrebbe mettere, seriamente, a repentaglio il prossimo anno di scuola in presenza. Se il governo dovesse confermare tale restrizione nelle scuole, molti istituti scolastici, viste le dimensioni, non potrebbero garantire il rispetto di tale norma.

Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale presidi ne ha parlato nel corso dell’intervista rilasciata a “InBlu2000”: “Gli spazi a scuola sono quello che sono”. Da questa osservazione parte la sua richiesta per l’abolizione del metro di distanza nelle classi.

Quest’ultimo, quindi, ha aggiunto: “La scelta di far tornare in classe i ragazzi a cinque settimane dalle fine dell’anno scolastico è una scelta politica che si effettua tenendo presente i pro e contro e ha un valore simbolico. Tutti noi speriamo che per settembre si riesca a raggiungere l’immunità di gregge”.

Tornare a scuola per tornare alla normalità

Mario Rusconi, presidente dell’Associazione nazionale presidi del Lazio, è dello stesso avviso: “L’annuncio del governo che i ragazzi possano tornare tutti a scuola, è sicuramente positivo. La scuola è in presenza, fatta di interazione ma molte scuole superiori nelle grandi città non sono in grado di mantenere il distanziamento di 1 metro di distanza”.

Lo stesso, nel suo intervento a “Sky” ha, quindi, aggiunto: “Se dovessero mantenersi gli standard di distanziamento indicati dal Cts e finora in vigore, la riapertura per il 100% degli studenti per molte scuole di Roma e del Lazio il prossimo settembre è pressoché impossibile”.

Classi piene, un problema da risolvere

Quanto evidenziato nelle scuole romane è, in realtà, un vero e proprio problema nazionale, come sottolinea Rusconi: “Le scuole italiane hanno un eccesso di alunni nelle stesse classi e oggi è dannoso dal punto di vista epidemiologico ma è anche una aberrazione dal punto di vista formativo”.

“Avere classi con 28-30 e oltre ragazzi, magari con un disabile, significa avere una fabbrica di dispersione scolastica: non è un problema creato dal Covid, è trentennale” la chiosa finale del presidente dell’Associazione presidi.
Leggi anche: “Dove è la videosorveglianza a Torre Annunziata”. Sul caso Cerrato interviene il M5S
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo