Connettiti con noi

Cronaca

Muore schiacciato da cancello: lo stava montando quando si è sganciato dalle guide e lo ha ucciso. Aveva 51 anni

Pubblicata

il

Condividi

Muore schiacciato da cancello nel Piacentino. Lo stava montando in un cantiere, la vittima aveva 51 anni. Un operaio di 51 anni e’ morto a causa di un infortunio sul lavoro avvenuto questa mattina vicino a Croara, localita’ della Valtrebbia in provincia di Piacenza.

I Fatti- morto schiacciato da cancello

L’uomo stava montando un cancello di acciaio in un cantiere edile quando all’improvviso si e’ sganciato dalle guide e gli e’ caduto addosso schiacciandolo.

Fatale, in particolare, sarebbe stato il colpo alla testa. Sul posto e’ intervenuta anche l’eliambulanza del 118, ma l’uomo era morto sul colpo. La dinamica e’ comunque ancora al vaglio dei carabinieri.

“E’ morta una bimba, è qui sull’asfalto”. Priscilla muore sotto giochi della mamma, nel tragico incidente di Corciano

CORCIANO. Addio Priscilla. Fare il vigile del fuoco è una missione, spesso sottovalutata ma che presuppone tanta forza d’animo e coraggio.

Non ce l’ha fatta il caposquadra dei vigili del fuoco a trattenere le lacrime quando è sopraggiunto sull’inicdente avvenuto ieri in provincia di Perugia: “E’ morta una bimba. E’ qui sull’asfalto”.

Queste e sue parole rivolte alla centrale quando ha chiamato per lanciare l’allarme e chiedere supporto.

Priscilla, chi è la bimba di 4 anni morta

Si chiamava Priscilla Brugnami e aveva appena 5 anni la bimba morta nell’incidente frontale avvenuto ieri pomeriggio a Corciano, vicino Perugia.

L’incidente

Lo schianto fatale tra due auto si è consumato tra Migiana e Capocavallo, una strada ai piedi del castello di Pieve.

La bimba era con la mamma Giovanna. La donna, per cause da accertare, si è scontrata frontalmente con una vettura proveniente dalla direzione opposta. Probabilmente un’invasione di carreggiata. L’impatto è devastante.

Qualcuno chiama i soccorsi e dall’ospedale Santa Maria della misericordia di Perugia corrono tre ambulanze.

All’arrivo dei sanitari

Si tenta di rianimare la bambina: ancora respira, ma le sue condizioni appaiono subito disperate. Purtroppo l’impegno e il cuore che ci mettono i medici non bastano a salvarle la vita.

E il suo cuoricino smette di battere sotto le mani sconvolte dei dottori. Tanto che il suo corpo è rimasto sull’asfalto per un paio d’ore, per consentire al medico legale Sergio Scalise Pantuso la prima ricognizione.

In gravi condizioni invece la mamma, Giovanna Di Grazia

Giunta in codice rosso all’ospedale. Le altre due persone che viaggiavano invece sulla seconda auto hanno riportato ferite gravi ma non sono in pericolo di vita.

Tra le ipotesi al vaglio degli investigatori anche la presenza di un cinghiale che avrebbe tagliato la strada all’auto che ha poi invaso l’altra corsia. Saranno però le indagini e i rilievi del caso a ricostruire la dinamica della tragedia che ha tolto la vita alla piccola Priscilla.
Leggi anche: Denise Pipitone, svelata un’inquietante cannonata: “Una sola speranza per lei, ecco chi non dice la verità”
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo