Connettiti con noi

Campania

Comunali, Conte in Campania a sostegno di Manfredi. Poi in Provincia: prima tappa a Volla

Pubblicata

il

Condividi

CAMPANIA. Il leader del M5s in Campania, Giuseppe Conte, per due giorni a sostegno dei candidati alle comunali in molte citta’, tra l’altro a Napoli, dove i 5 stelle corrono con il Pd e altre forze del centrosinistria, e a Salerno, dove i pentastellati hanno scelto la strada di una candidatura autonoma, scartando l’appoggio a quello del Pd.

Conte in Campania – Prima tappa Volla, accolto da un bagno di folla

Poi Napoli, al mercato Canzanella nel popolare quartiere di Furigrotta, accolto anche qi da centinaia di persone.

Una signora anziana e invalida a bordo di uno scooter per disabili ripete piu’ volte a favore di telecamere come un mantra: “Mi ha aumentato la pensione. Per me nessuno e’ meglio di lui”.

Con un ora di ritardo sul ruolino di marcia, l’ex premier arriva acclamato soprattutto da un gruppo di signore che spingono e spintonano per guadagnare una posizione utile a fare selfie con lui.

Conte si concede una breve passeggiata tra le bancarelle, ma l’assalto dei sostenitori supera le previsioni e il leader dei 5 Stelle e’ costretto a riprendere il tour per la provincia di Napoli, non senza essersi concesso agli smartphone, aver stretto piu’ mani possibile e aver assicurato, aquanti lo chiedevano, che il reddito di cittadinanza non sara’ toccato.

Campania – Qualche mugugno tra alcuni commercianti, soprattutto del bar del mercato

I gestori costretti per qualche ora a rinunciare allo spazio per i tavolini all’aperto, anche se poi la titolare prepara una sfogliatella riccia e una frolla per “il presidente”, dato che saputo che ne sarebbe ghiotto. Nel dubbio sulle preferenze, il vassoio e’ pronto con i due generi.

Conte va a Bagnoli

Quartiere ex operaio dove la bonifica dell’area ex Ilva e la riqualificazione sono da decenni una altalena di interventi e risorse di diversi Governi, processi, scandali e commissari.

E qui trova ad accoglierlo anche gli striscioni dei centri sociali e dei comitati per la bonifica di Bagnoli. “Nessuna passerella su Bagnoli” recita uno, richiamando l’attenzione su bonifica, casa, lavoro e consultorio per il quartiere. Un altro chiede di “Abolire i vostri decreti sicurezza. Scioperare non e’ reato” a firma di Iskra.

Ma anche in questo quartiere l’ex premier viene accolto con calore dalla folla. Dopo un breve comizio, Conte incontra i rappresentanti dei comitati che chiedono il riconoscimento dell’Osservatorio Popolare, il rispetto della bonifica e delle clausole sociali; e promette il suo impegno per la rimozione della colmata e il ripristino della linea di costa. Poi si riparte, destinazione il Salernitano.

Giuseppe Conte e’ arrivato quindi alle 15.20 a Sapri

Accolto dal senatore M5s Franco Castiello, era insieme al sottosegretario all’Interno, Carlo Sibilia. Sul lungomare del cntro turistico cilentano ha partecipato alla cerimonia di svelatura della statua bronzea della ‘Spigolatrice di Sapri’, realizzata dall’artista Emanuele Stifano, opera e’ frutto di un’intesa tra la fondazione presieduta da Castiello, ‘Grande Lucania’ (che l’ha finanziata), Parco del Cilento-Vallo di Diano-Alburni e Comune di Sapri.

Castiello ha consegnato a Conte la seconda edizione del Manifesto per il Mezzogiorno, una serie di proposte utili allo sviluppo del Sud (la prima edizione fatta di dieci proposte, Castiello gliela consegno’ a Vallo della Lucania nel 2019 quando Conte era presidente del Consiglio).

Il leader dei 5 stelle

Ha anche ricevuto in dono copia anastatica della poesia ‘La spigolatrice di Sapri’ di Luigi Mercantini. “Credo che il Mezzogiorno abbia bisogno di una strategia di medio e anche lungo termine, quindi non di iniziative occasionali – ha detto Conte – ringrazio Castiello e la fondazione Grande Lucania che continua a elaborare proposte, progetti, soluzioni concrete che tutta la politica deve tenere in conto.

Se non miglioriamo le infrastrutture, parliamo della ferrovia ad alta capacita’/alta velocita’, sicuramente questo territorio rischia di affievolire questa forte vocazione turistica e soprattutto rischia di andare a implementare il rischio vero che sta vivendo, lo spopolamento. E poi anche la sanita’.

L’abbiamo sperimentato con la pandemia, dobbiamo rafforzare le strutture pubbliche. Una sanita’ con prestazioni sanitarie di qualita’ dappertutto e ovunque, anche qui”. Poi Selfie e strete di mano prima di proseguire per Battipaglia.
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it
Metti like alla pagina 41esimoparallelo e iscriviti al gruppo 41esimoparallelo
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo