Connect with us

sport

Milan campione d’Italia, vince a Reggio Emilia e conquista il 19° scudetto (come l’Inter)

Pubblicato

il

milan

Il Milan è campione d’Italia. Nessun errore a 90’ dal traguardo, ma una prestazione sontuosa a Reggio Emilia contro il Sassuolo, un avversario in questa stagione capace di vincere entrambe le volte a San Siro (con i rossoneri e con l’Inter) e a Torino con la Juventus. Al Mapei Stadium finisce 3-0 e tutto viene chiuso nel primo tempo. Il Diavolo non ha nessuna intenzione di farsi beffare dall’Inter, impegnato a San Siro con la Sampdoria.

E parte forte, anzi fortissimo. Inizia subito Giroud di testa, ma Consigli – alla 440° presenza in A tra Atalanta e Sassuolo – respinge. E così fanno anche Ferrari in scivolata sul tiro di uno scatenato Rafael Leao e Maxime Lopez, sulla linea, sulla deviazione di Tomori. Insomma, in 10’ si intuisce la voglia matta di scudetto della capolista.

È la grande occasione da non perdere. Il gol è nell’aria. E arriva al 17’, quando Rafael Leao ruba palla a Muldur e serve Giroud, bravo a insaccare di sinistro sotto le gambe di Consigli. Al Mapei Stadium i tifosi del Diavolo esplodono e il Milan non si ferma. Sfiora il gol con Saelemaekers e ne fa due, chiudendo di fatto il discorso scudetto.

Il raddoppio porta la firma ancora di Giroud, il tris quello di Kessie, che approderà al Barcellona con uno scudetto nel cuore. Entrambi finalizzano altri due assist di Rafael Leao. Il Sassuolo è schiantato. Tanti gli errori dei neroverdi, che si fanno sorprendere dall’impeto di una squadra desiderosa di tornare sul tetto d’Italia 11 anni dopo l’ultima volta.

La festa

Nella ripresa Tonali, ammonito, resta negli spogliatoi. Al suo posto c’è Bennacer. Il Milan non lascia comunque nulla al caso. Il Sassuolo arranca e non riesce a raddrizzare il match. Con il passare dei minuti i tifosi del Milan si fanno sentire sempre di più e al minuto 27’ regalano la giusta ovazione a Giroud.

Al posto del francese entra in campo Ibrahimovic, che segna ma è in fuorigioco. Ora per lo svedese è tempo di festeggiare l’ennesimo scudetto in carriera, poi dirà se continuerà o meno. Ma lui è già una leggenda.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Clicca per Commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Advertisement

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Advertisement

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)