Connettiti con noi

Senza categoria

Assegno Unico e Reddito di Cittadinanza Maggio, PAGAMENTI IN CORSO: LE DATE DEGLI ACCREDITI UFFICIALI. Segna tutto sul calendario

Pubblicata

il

Condividi

Nelle ultime 2 settimane maggio saranno accreditati i soldi per il reddito di cittadinanza e l’assegno unico. Formalmente l’Inps non ha comunicato quando avverranno i pagamenti del contributo per le famiglie con figli a carico ma l’accredito dovrebbe arrivare tra la seconda e la terza settimana del mese.

L’erogazione riguarda, oltre alle famiglie che avevano già presentato la richiesta negli scorsi mesi, anche “le ulteriori 1.097.079 domande pervenute a marzo, per 1.789.250 figli”. Invece per il Reddito di Cittadinanza le ricariche partiranno venerdì 27 maggio.

L’Inps riconosce, congiuntamente e con le modalità di erogazione del Reddito di cittadinanza, una quota supplementare di beneficio economico riferita all’Assegno Unico e universale. La misura complessiva dell’integrazione Rdc-AU è determinata sottraendo dall’importo teorico spettante dell’assegno unico e universale la quota di RdC relativa ai figli che fanno parte del nucleo familiare, calcolata sulla base della scala di equivalenza.

Assegno Unico e universale per i figli a carico

L’Inps ha dato ulteriori chiarimenti su maggiorazioni per il nucleo per figli maggiorenni e genitori separati. Maggiorazione per genitori entrambi lavoratori.

-Nel caso in cui entrambi i genitori siano titolari di reddito da lavoro, si prevede una maggiorazione dell’assegno per ciascun figlio minore pari a 30 euro mensili. L’importo spetta in misura piena per un #ISEE pari o inferiore a 15.000 euro e si riduce gradualmente fino ad annullarsi in corrispondenza di un ISEE pari a 40.000 euro;

– Relativamente ai redditi assimilati a quelli da lavoro dipendente, si precisa che rilevano gli importi percepiti a titolo di NASPI e DISCOLL, a condizione che il soggetto risulti percettore al momento della domanda e per un periodo prevalente nel corso dell’anno;

– Ai fini della maggiorazione, infine, rileva anche il reddito del genitore che lavora all’estero con residenza fiscale in Italia.

– La maggiorazione spetta ai nuclei di genitori lavoratori #agricoli autonomi.

– Per i genitori lavoratori non può essere richiesta in caso di domanda presentata per un nucleo composto da un solo genitore anche se lavoratore.

Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it