Connect with us

mondo

Meta licenzia 11mila dipendenti, il 13% del personale. Zuckerberg: “Ho sbagliato, è mia la responsabilità”

Published

on

meta mark zuckemberg

Meta, società madre di Facebook, Instagram e WhatsApp, ha annunciato il taglio del 13% del personale, oltre 11mila dipendenti.

Lo ha annunciato il ceo della società, Mark Zuckerberg, in una lettera ai dipendenti. “Oggi condivido alcune delle modifiche più difficili che abbiamo adottato nella storia di Meta – scrive Zuckerberg nella lettera -. Ho deciso di ridurre le dimensioni del nostro team di circa il 13% e lasciare a casa più di 11mila dei nostri talentuosi dipendenti”.

Zuckerberg: “Azienda più snella ed efficiente” 

Advertisement

Il fondatore di Facebook, nella lettera con cui ha annunciato ai dipendenti i licenziamenti, ha elencato anche gli altri tagli effettuati sui costi e la necessità di un “cambio culturale nel modo in cui operiamo” per “diventare un’azienda più snella ed efficiente”. Il taglio arriva dopo quello operato anche da Twitter, che con l’era Elon Musk ha ridotto la forza lavoro della metà.

Ulteriori riduzioni dei costi 

“Considero i licenziamenti come l’ultima risorsa, così abbiamo deciso di tenere a freno altre fonti di costo prima di lasciare andare i compagni di squadra – si legge -. Questo si aggiungerà a un cambiamento culturale significativo nel modo in cui operiamo. Ad esempio, mentre riduciamo il nostro perimetro immobiliare, stiamo passando alla condivisione della scrivania per le persone che trascorrono la maggior parte del loro tempo fuori ufficio. Nei prossimi mesi implementeremo ulteriori riduzioni dei costi come questo”.

Advertisement

Meta, il blocco delle assunzioni 

Oltre a questo “stiamo anche estendendo il blocco delle assunzioni fino al primo trimestre con un numero limitato di eccezioni”, ha annunciato l’a.d. di Meta che ha parlato anche di “una revisione approfondita della nostra spesa per le infrastrutture. Mentre costruiamo la nostra infrastruttura di intelligenza artificiale, ci concentriamo sul diventare ancora più efficienti con la nostra capacità”.

Fatturato inferiore alle attese

Tutti questi tagli perché “le prospettive di fatturato sono inferiori a quanto ci aspettassimo all’inizio di quest’anno e vogliamo assicurarci di operare in modo efficiente sia su Family of Apps che su Reality Labs” la divisione dedicata al Metaverso. “Questo è un momento triste e non c’è modo di evitarlo”, ha ammesso Zuckerberg ringraziando coloro che stanno per essere licenziati e rivolgendo un ultimo messaggio a chi resta: “So che questo è un momento difficile. Molti di voi provano incertezza verso il futuro” ma “queste decisioni servono ad assicurarci che il nostro futuro sia forte”.

Advertisement

“Ho sbagliato, è mia la responsabilità” 

“All’inizio del Covid – ha sottolineato – il mondo si è spostato rapidamente online e l’impennata dell’e-commerce ha portato a una crescita dei ricavi smisurata. Molte persone hanno previsto che questa sarebbe stata un’accelerazione permanente che sarebbe continuata anche dopo la fine della pandemia. Anch’io l’ho fatto, quindi ho deciso di aumentare significativamente i nostri investimenti. Sfortunatamente, questo non è andato come mi aspettavo. Non solo il commercio online è tornato alle tendenze precedenti, ma la recessione macroeconomica, l’aumento della concorrenza e la perdita di segnale pubblicitario hanno fatto sì che le nostre entrate fossero molto più basse di quanto mi aspettassi. Ho sbagliato, e me ne assumo la responsabilità”. 

“Usciremo da questa recessione più forti e resilienti” 

Advertisement

Tuttavia, “Credo che oggi come azienda siamo profondamente sottovalutati. Miliardi di persone utilizzano i nostri servizi per connettersi e le nostre comunità continuano a crescere. Il nostro core business è tra i più redditizi mai realizzati con un enorme potenziale davanti a noi. Sono fiducioso che, se lavoreremo in modo efficiente, usciremo da questa recessione più forti e resilienti che mai. Condivideremo di più su come opereremo con una organizzazione snella per raggiungere le nostre priorità nelle prossime settimane”.
Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Continue Reading
Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)