Connettiti con noi

Cronaca

Terremoto, scossa di magnitudo 3.5 avvertita dalla popolazione: Italia nella morsa del sisma. Paura tra i residenti

Pubblicata

il

Condividi

TERREMOTO. Scossa di terremoto questa notte nell’Aretino. Alle 2.15, secondo quanto registrato dall’istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), la terra ha tremato in provincia di Arezzo. 

Così come riportato da Ingv, “un terremoto di magnitudo ML 3.5 è avvenuto nella zona: 3 km N Talla (AR) con coordinate geografiche (lat, lon) 43.630011.7940 ad una profondità di 10 km”.

Fortunatamente non si registrano danni a cose o persone.

Terremoto – nuova scossa nella notte

Nel comune che si trova a circa 25 km da Arezzo la scossa è stata avvertita nettamente. Segnalazioni arrivano anche dalla zona est della provincia di Firenze. Non si registrano comunque danni. Il sisma si è verificato nel cuore della notte. In molti si sono svegliati a causa della scossa. 

Una prima scossa di 2.1 gradi Richter era stata registrata sempre a Talla poco prima delle 23. L’epicentro è lo stesso. Un po’ tutta la provincia di Arezzo ha avvertito la seconda scossa, quella più forte. Segnalazioni dei lettori del La Nazione arrivano da Pratovecchio ma anche da Poppi, oltre che da Laterina e da Castiglion Fibocchi. 

Il centro Italia in queste settimane è stato a più rirprese interessato dal terremoto. In particolare nelle vicine Marche, dove si sono susseguite diverse scosse. Uno sciame sismico iniziato lo scorso 9 novembre e poi proseguito fino alla stessa giornata di giovedì 24 novembre, con cinque scosse tutte in mare, a largo della costa marchigiana e in particolare pesarese. 

Giani: “Verifiche ultimate, nessun danno”

“Alle 2.15 di questa notte una scossa di terremoto di magnitudo 3.5 con epicentro nel comune di Talla, provincia di Arezzo, ha svegliato migliaia di persone. Attivate subito le procedure e verifiche del sistema regionale di Protezione Civile, non si segnalano danni. Ringrazio tutti gli operatori e personale degli enti impegnati nella notte”. Così in un post sul suo profilo Facebook il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani. (LaNazione)

Continua A Leggere
clicca per commentare

Lascia una Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *