Connect with us

cronaca

Messina Denaro, de Magistris: “Bellissima notizia nel contrasto alle mafie” 

Published

on

Messina Denaro

ARRESTO MESSINA DENARO. “Complimenti alla magistratura di Palermo, in particolare alla Procura della Repubblica, e ai carabinieri del ROS per l’arresto del boss mafioso Matteo Messina Denaro il più pericoloso latitante da oltre trent’anni. Finalmente una bellissima notizia nel contrasto alle mafie”. È il tweet di Luigi de Magistris.

Messina Denaro: Napoli (Azione),suo arresto e’ svolta importante

 “Congratulazioni al Ros dei Carabinieri per la brillante operazione che ha portato all’arresto di Matteo Messina Denaro, il super-latitante che da 30 anni sfuggiva alla giustizia. Si tratta di una svolta importante, un passaggio decisivo nel contrasto dello Stato alla mafia”. Cosi’ Osvaldo Napoli di Azione in una nota. “Trent’anni di latitanza hanno consentito probabilmente di tirar su nuove leve del crimine organizzato. L’arresto di Messina Denaro e’ in ogni caso un evento straordinario perche’ conferma che la determinazione dello Stato, delle forze dell’ordine e degli inquirenti non e’ mai venuta meno, al di la’ del colore politico dei governi”, conclude. 

Da Totò Riina a Messina Denaro: la lista dei ricercati più pericolosi 

L’ultimo dei capi di mafia è caduto. A Palermo, il Ros ha arrestato Matteo Messina Denaro, latitante da 30 anni. Ma chi sono i latitanti a cui viene data la caccia?

Sono criminali che hanno fatto perdere le loro tracce, quasi spariti nel nulla, nascosti sotto falsi nomi, coperti da rete di omertà dei propri sodali, dalla complicità di chi tace: sono cinque, dopo l’arresto del boss della ‘ndrangheta Rocco Morabito, arrivato oggi in Italia, estradato dal Brasile, i latitanti di ‘massima pericolosità’ inseriti nella lista del Viminale, consultabile sul sito del Ministero. A loro gli investigatori danno la caccia, seguendo ogni minimo indizio per stanarli dai loro covi.

I latitanti – Messina Denaro: il primo della lista

Rientrano nel ‘Programma speciale di ricerca selezionati dal Gruppo integrato interforze, il Giirl.- MATTEO MESSINA DENARO, detto ‘U siccu (il magro) – Il primo della lista, il più ricercato è Matteo Messina Denaro, boss della mafia.

Di lui si sono perse le tracce nel 1993, anno dal quale è ricercato per associazione di tipo mafioso, omicidio, strage, devastazione, detenzione e porto di materie esplodenti. Dal ’94 su di lui pende un mandato di cattura internazionale.

‘U siccu’, il magro, è sparito nel ’93, agli anni delle bombe a Roma, Milano, Firenze.Figlio di Francesco Messina Denaro, a capo della cosca di Castelvetrano e del relativo mandamento, ha subito negli anni confische e sequestri, gli investigatori hanno provato a fargli intorno terra bruciata con numerosi arresti. Di lui, qualche tempo fa, è stata sentita la voce, comparso da un vecchio nastro processuale.

ATTILIO CUBEDDU

Nel 1997, approfittando di un permesso, non ha fatto rientro nel carcere di Badu e Carros, in provincia di Nuovo, dove era detenuto per sequestro di persona, omicidio e lesioni gravissime. Dall’anno successivo, contro di lui è stato spiccato un mandato di cattura internazionale. Cubeddu è un nome ‘storico’ dell’Anonima sequestri. È stato il carceriere dell’imprenditore bresciano Giuseppe Soffiantini.-

GIOVANNI MOTISI, detto ‘U pacchiuni (il grasso)

È ricercato dal 1998 per omicidi, dal 2001 per associazione di tipo mafioso ed altro, dal 2002 per strage. Deve scontare la pena dell’ergastolo. Dal 1999 su di lui pende un mandato di cattura internazionale.

È il killer di fiducia di Totò Riina, secondo un collaboratore di giustizia presente anche quando si parlò per la prima volta di ammazzare il generale Alberto Dalla Chiesa. Nel 1999, durante la perquisizione della sua villa di Palermo, è stata ritrovata una fitta corrispondenza tra lui e la moglie Caterina, bigliettini recapitati da ‘postini’ fidati assieme a vestiti e regali. La sua ultima apparizione è di quello stesso anno: partecipa alla festa di compleanno della figlia e viene fotografato. Ma alle pareti del posto in cui festeggiano sono affisse lenzuola bianche per impedirne il riconoscimento.-

Da Messina Denaro a RENATO CINQUEGRANELLA: boss della Camorra

Boss della camorra, è latitante dal 2002. Cinquegranella è ricercato per associazione per delinquere di tipo mafioso, concorso in omicidio, detenzione e porto illegale di armi, estorsione. Dal 2018 è ricercato in ambito internazionale. Cinquegranella era storicamente legato alla Nuova Famiglia, storica rivale della Nuova camorra organizzata di Raffaele Cutolo.

È implicato nell’omicidio di Giacomo Frattini, affiliato della Nco, torturato, ucciso e fatto a pezzi nel gennaio dell’82. Cinquegranella è coinvolto nell’omicidio di Antonio Ammaturo, capo della Squadra mobile, massacrato, nel luglio dell’82 da un commando delle Brigate rosse, davanti al portone della sua casa in piazza Nicola Amore, centro di Napoli, insieme con il suo autista, l’agente Pasqquale Paola. Quell’omicidio confermò un patto criminale tra camorra e Br.

PASQUALE BONAVOTA

Esponente di spicco della ‘ndrangheta locale di Sant’Onofrio, è ricercato dal 28 novembre 2018 per associazione di tipo mafioso e omicidio aggravato in concorso. (CRO NG01)


Seguici sul nostro canale Youtube 41esimoparallelo
Segui il nostro canale Google News 41esimoparallelo
Attiva le notifiche su 41esimoparallelo.it

Pubblicità

seguici su Facebook

Attualità

Camorra

Ambiente

Cronaca

Cultura

41esimoparallelo è anche un’app

Scarica la versione per IOS & Android direttamente dallo store: avrai tutte le notizie aggiornate in tempo reale, approfondimenti e le storie dall’Italia e dal mondo a portata di mano. Solo per te, in un unico luogo.

Pubblicità

© 41esimoparallelo.it All Right Reserved. Cassio Group S.r.l. C.F. e P.IVA 09700041214 41esimoparallelo.it - Testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Napoli con n. 1347/21 del 05/03/2021. Sede legale: Via Santa Maria del Pianto Torre 1, 80143 Napoli (NA)