Connettiti con noi

Cronaca

Violenta aggressione ad Acerra, all clinica Villa dei Fiori: in 7 picchiano infermieri e 118

Pubblicata

il

Condividi

ACERRA. Due infermiere e un equipaggio del ‘118’ sono state aggredite da un gruppo di sette persone, nel pomeriggio di oggi, al pronto soccorso della clinica Villa dei Fiori, ad Acerra (Napoli). Lo denuncia, con un post su Fb, l’associazione “Nessuno tocchi Ippocrate”.

Tutto ha avuto inizio quando, secondo la ricostruzione fornita dall’associazione, si è presentato un ragazzo di 17 anni che lamentava dolore addominale e vomito.

“Come nella maggior parte dei casi ,la famiglia pretende la visita immediata , ma l’infermiere di triage li invita ad attendere.

Acerra – scattata la violenza:

in sette entrano nel triage, aggrediscono due infermiere ed un equipaggio del 118 che si trovava lì per il trasporto di un paziente”, prosegue ancora la nota. “Non è più tempo di aspettare, serve la polizia subito in tutti i pronto soccorso della regione Campania”: è l’appello dell’associazione. (ANSA).

Da Acerra a Napoli

NAPOLI.  I carabinieri della sezione operativa della compagnia di Marano, in provincia di Napoli, hanno arrestato madre e figlio per detenzione e spaccio di droga.

Solo due giorni fa, i carabinieri avevano arrestato, a Mugnano di Napoli, Raffaele Marrone, 46 anni. Con lui altre 3 persone nel corso di un blitz ad ampio raggio, marito della donna – già nota alle forze dell’ordine – arrestata oggi e padre del ragazzo, un incensurato 23enne.

Napoli – I militari

Trovato nella disponibilità del 23enne 800 euro in contanti e due borse con all’interno 600 dosi tra hashish e marijuana per un peso complessivo di un chilo e mezzo di droga.

Nella disponibilità della D’aria, una busta con dentro 5 panetti di hashish: 500 i grammi. Sequestrati anche 16 proiettili calibro 38 special. In un locale della famiglia Marrone, i carabinieri rinvenuto e sequestrato due dispositivi conta banconote e una bilancia elettronica. Madre e figlio sono nelle carceri di Pozzuoli e Poggioreale in attesa di giudizio per il reato di detenzione di droga a fini di spaccio.