Connettiti con noi

Politica

Pnrr, Manfredi: “Per ora il taglio è una proposta”

Pubblicata

il

Condividi

Il sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, ha commentato la questione dei tagli al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PnRR) che il governo guidato da Meloni sta valutando. In un’intervista al Manifesto, Manfredi ha condiviso le sue preoccupazioni riguardo ai tagli proposti, che potrebbero portare alla perdita definitiva di risorse per i Comuni.

Manfredi ha affermato che il ministro Fitto ha spiegato che la revisione del PnRR è ancora una proposta in fase di negoziato con Bruxelles. Ha sottolineato che, nonostante questi tagli, le amministrazioni locali stanno comunque proseguendo con i propri progetti. Secondo la revisione prospettata, i progetti dei Comuni che rischiano di essere tagliati ammontano a 13,5 miliardi di euro, con Napoli come città più colpita da un taglio di 824,8 milioni di euro.

Il sindaco

Ha spiegato che Fitto ha assicurato la copertura finanziaria per i progetti che non rientreranno nel PnRR rivisto. Tuttavia, ha sottolineato che la revisione è ancora in fase di proposta e che ci sarà un’istruttoria con Bruxelles. Fino a quando questa fase non sarà completata, la situazione rimarrà invariata.

Manfredi ha difeso le amministrazioni locali, affermando che la scelta di spostare alcuni progetti non è dovuta a una mancata capacità da parte delle stesse. Ha evidenziato che la maggior parte dei Comuni ha rispettato i tempi, avviando gare d’appalto, sottoscrivendo contratti e aprendo cantieri. La decisione di revisionare il PnRR sembra essere stata presa dal governo, ma Manfredi ha escluso che i Comuni siano responsabili di tale scelta.

Manfredi

Ha anche espresso preoccupazione per altre decisioni del governo, come il Reddito di Cittadinanza, sottolineando che chi rimane senza reddito può facilmente diventare vittima dello sfruttamento. Ha auspicato che il governo possa rivalutare queste politiche con un approccio centrato sul benessere delle persone.

Infine, Manfredi ha discusso delle Zone Economiche Speciali (Zes), affermando che in alcune aree mirate stanno funzionando bene. Tuttavia, ha mostrato incertezza riguardo all’efficacia di un’espansione delle Zes.