Connettiti con noi

Politica

Infrastrutture, Salvini taglia 2,5 miliardi di fondi al Sud per finanziare le opere del Nord. E’ polemica

Pubblicata

il

Condividi

Nel quadro delle strategie di riorganizzazione delle risorse finanziarie per le opere pubbliche, il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Matteo Salvini, ha approvato una riallocazione di fondi da 2,5 miliardi di euro, suscitando dibattito e polemiche. Secondo quanto riportato dalla Repubblica, questa mossa prevede un taglio agli stanziamenti precedentemente destinati alle opere nel Centro e nel Sud Italia, per finanziare invece progetti nel Nord Italia, in particolare nelle regioni di Liguria, Lombardia, Piemonte e Veneto.

La decisione ha sollevato questioni e preoccupazioni, soprattutto da parte del deputato del Partito Democratico, Marco Simiani. Egli ha definito questa rimodulazione delle risorse una “scelta sbagliata”, poiché si traduce in un taglio di fondi alle regioni che necessitano di investimenti per superare ritardi storici infrastrutturali.

L’interrogazione parlamentare presentata da Simiani si basa su una comunicazione del Ministero delle Infrastrutture al Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica (Cipess), in cui si evidenzia la necessità di raccogliere ulteriori risorse per garantire la realizzazione dei progetti inseriti nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr).

La riorganizzazione dei finanziamenti ha comportato la selezione di alcune opere che non riceveranno più finanziamenti, in quanto il Ministero ha ritenuto impossibile bandire le relative gare entro il 2023. Tra queste rientrano progetti significativi come il raddoppio della linea ferroviaria Roma-Pescara nelle tratte interporti d’Abruzzo-Chieti-Pescara e Sulmona-Avezzano, il potenziamento della tratta Tivoli-Guidonia e la chiusura dell’anello ferroviario di Roma.

Matteo Salvini rialloca i fondi: tolti al Sud a favore del Nord

Dall’altra parte della bilancia, sono state individuate opere da finanziare con i fondi appena riassegnati. Questi includono progetti come la linea ad alta velocità Verona-Padova, il nodo Terzo Valico di Genova, cantieri e gare in corso, oltre a investimenti nelle città di Bolzano, Torino-Padova, Firenze e altre località del Centro e del Nord Italia.

Il nuovo assetto finanziario ha sollevato questioni sullo sviluppo infrastrutturale delle diverse regioni italiane. In particolare, l’allocazione dei fondi sembra privilegiare il Nord a scapito del Sud, sollevando preoccupazioni riguardo all’equità nella distribuzione delle risorse e alla possibilità di aggravare lo squilibrio infrastrutturale tra le diverse aree del Paese.

Il dibattito prosegue, poiché si stanno valutando gli effetti di questa riallocazione sulle comunità locali e sul progresso complessivo delle infrastrutture italiane.