Connettiti con noi

Attualità

CARO VOLI, FTO: STOP A RICATTI LOW COST, SERVONO REGOLE NUOVE

Pubblicata

il

Condividi

“È inaccettabile l’atteggiamento delle compagnie aeree low cost rispetto a un provvedimento del governo sulle tariffe che non ha ancora alcun riflesso concreto. Si tratta di una ritorsione che colpisce ingiustamente una regione già troppo spesso penalizzata dal trasporto aereo come la Sardegna”. Lo commenta in una nota Franco Gattinoni, presidente della Federazione Turismo Organizzato di Confcommercio.
“I vettori incassano fior di contributi dagli enti territoriali – prosegue Gattinoni -. Prima fanno grandi proclami e promesse di sviluppo, vedi quanto sta accadendo in Calabria, e poi tengono per il collo i territori, minacciando di abbandonarli a loro stessi se qualcuno prova a intaccare il sostanziale regime di oligopolio o addirittura di monopolio. A chi parla di decreto che limita la libertà farei notare che la libertà si esplica solamente in un regime di sana concorrenza. Sarebbe il caso che l’Antitrust intervenisse per verificare la reale tutela del consumatore”.
“Ormai da troppo tempo le low cost non garantiscono una stabilità nella programmazione dei voli che consenta di vendere il prodotto Italia all’estero; con inammissibile facilità contrattuale possono cancellare o modificare i piani di volo. Inoltre, non applicano con continuità gli obblighi di assistenza e riprotezione nei confronti del viaggiatore e ostacolano il lavoro di altri attori della filiera turistica che gestiscono viaggi organizzati in incoming per i quali non si può prescindere dall’utilizzo di singole tratte sul territorio italiano oppure di chi lavora sulle trasferte di persone per motivi di lavoro o di ragazzi per motivi di studio. Ciò perché pretendono di vendere solo per via diretta la loro biglietteria”.
Il presidente Fto conclude: “Bisogna dare uno stop a queste forme di ricatto o di rappresaglia con regole nuove e una riorganizzazione strategica del trasporto aereo in Italia”.