Connettiti con noi

Cronaca

Filippo Turetta, svolta nella difesa: l’avvocato Compagno rinuncia all’incarico

Pubblicata

il

Condividi

L’avvocato Emanuele Compagna ha annunciato ufficialmente la sua rinuncia all’incarico di difendere Filippo Turetta nell’ambito del caso legato all’omicidio di Giulia Cecchettin. Compagna ha dichiarato che, con l’arrivo di Turetta in Italia, considera concluso il suo incarico d’ufficio. Turetta ha ora nominato nuovi difensori di fiducia, tra cui lo stesso Compagna, ma quest’ultimo ha depositato una rinuncia a tale nomina nel pomeriggio.

Compagna ha chiarito che fin dall’inizio aveva consigliato ai genitori di Turetta l’opportunità di una nomina di fiducia, e la sua rinuncia non è legata alle polemiche recenti riguardanti vecchi post sui social dell’avvocato sulla violenza femminile, con commenti considerati sessisti.

Le polemiche menzionate riguardano alcune affermazioni sui social dell’avvocato, che sono state oggetto di critiche.

Il nuovo avvocato di Filippo Turetta incontrato nel pomeriggio

Al momento, Filippo Turetta ha incontrato il suo nuovo avvocato di fiducia, Giovanni Caruso, nel carcere di Verona. Caruso ha dichiarato che durante l’incontro Turetta non ha affrontato i profili dell’accusa, e l’interrogatorio di garanzia è previsto per martedì. Compagna ha concluso la sua nota affermando di rimanere umanamente vicino al dolore delle famiglie coinvolte nella vicenda.

Le altre notizie di cronaca

La comunità di Baronissi sotto choc per la perdita della giovane, si indaga sull’ipotesi di gesto volontario

Oggi a Baronissi si respira solo tristezza e dispiacere per la prematura e tragica morte di Annapia Cavaliere. Un futuro promettente schiantatosi su u marciapiede all’età di soli 20 anni. Il dolore si fa sentire in tutta la comunità. 

Sembra, secondo quanto riportato da Salernonotizie, che la ragazza sia precipitata nel vuoto dal balcone della sua residenza nel quartiere Nuova Irno, e al momento non si può escludere l’ipotesi di un atto intenzionale. Gli operatori del 118, una volta arrivati sul luogo per fare i controlli necessari, non hanno avuto altra scelta se non constatare il decesso, nel mentre la Polizia Municipale e i Carabinieri sono intervenuti per iniziare le indagini.

Nella Valle dell’Irno, la notizia ha provocato sconcerto e dolore tra i membri della comunità, toccando profondamente il cuore dei genitori e del fratello di Annapia. Continua a leggere qui